Le nuove frontiere del sesso

Perchè abbiamo deciso di chiamare questo articolo “Le nuove frontiere del sesso” ?

Semplicemente  perchè vi andremo davvero a parlare delle novità in materia.

Ormai come si nota sempre più frequentemente, tutto ruota attorno al sesso in una maniera vertiginosa.

Ed è per questo che stanno sorgendo dei nuovi metodi per fare sesso, la cosa bella è che lo si può fare in modo totalmente sicuro!

Scopriamo come!

Uno dei metodi di cui vogliamo parlarvi riguarda l’apertura a Torino di una sorta di bordello o casa chiusa . Un imprenditore ha avuto la brillante idea di aprire questo bordello con dei robot fatti appositamente per soddisfare le voglie dei clienti e delle clienti. I costi non sono certo economici ma il divertimento ha il suo prezzo no?

Un altro metodo che sta imperversando nel mondo del sesso  è quello del noleggio di bambole in silicone antiallergico. L’idea è venuta ad un imprenditore milanese che ha aperto persino un sito online dove vedere le bambole a disposizione e poter inviare una mail o contattare telefonicamente per prenotare il servizio. In questo caso i prezzi sono più abbordabili dato che si parla di spendere 50€ per un ora di noleggio oppure 70€ per tre ore di noleggio o 110€ per il noleggio per una notte intera. Se volete dare un occhiata alle bambole e disposizione vi lasciamo il link qui sotto.

DOMUSDOLL

Un altro metodo sicuro che sta prendendo sempre più piede è il così detto sesso virtuale! Si tratta di avere rapporti intimi via web o applicazioni che permettano di inviare messaggi, chiamate, video chiamate. Ovviamente per  poter sfruttare questi sistemi si deve avere un numero di telefono della ragazza o del ragazzo con cui scambiare sesso virtuale. In alcuni casi non serve il contatto telefonico ma basta un nickname con cui rintracciare il partner virtuale su applicazioni come skype oppure persino su  messenger o altri sistemi di messaggistica, persino instagram permette video chiamate in cui poter fare sesso virtuale con la persona con cui stiamo interagendo.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*